Si va be’…ma a che diavolo serve un ufficio stampa?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Non dite a mia madre che faccio il pubblicitario, lei mi crede pianista in un bordello“.

Il titolo del libro di Jacques Seguela qui sopra, potrebbe comodamente essere adattato a un libro sull’ufficio stampa scritto da chiunque faccia il mio mestiere. Basterebbe sostituire “Pubblicitario” con “Addetto Stampa”. Chiedete pure ad amici e parenti (NON ditemi che non avete un parente che fa l’addetto stampa. In tutte le famiglie ci sono delle pecore nere!). L’unica differenza è che, mentre tutto il mondo civilizzato più o meno sa cosa fa un pubblicitario, quasi nessuno sa cosa fa un addetto stampa. Le ipotesi vanno da: “l’uomo che distribuisce i giornali alle edicole”, a “addetto alle presse che stampano le lamiere” a cose che si avvicinano già di più, tipo: “il giornalista” o “l’addetto ai giornalisti” (risposta che di solito evoca nella mia mente l’immagine di un maggiordomo, più o meno).

Ebbene, onde dissipare in voi che mi leggete le nebbie dell’insipienza, lasciatemi spiegare cos’è e a cosa serve l’ufficio stampa e chi è l’uomo (o la donna) che ci lavora, cioè appunto l’addetto (o addetta) stampa.

Dunque:

[feature_box style=”10″ only_advanced=”There%20are%20no%20title%20options%20for%20the%20choosen%20style” alignment=”center”]

l’ufficio stampa è il ponte di collegamento tra un’azienda e gli organi di informazione. Il suo compito è far sì che i media vengano a conoscenza, in modo corretto e trasparente, delle notizie che l’azienda intende diffondere.

[/feature_box]

Tutto chiaro? In soldoni il compito dell’ufficio stampa è far uscire articoli, servizi, post e notizie in vari formati, sui media. Va da sè che nella categoria “media” rientrano quotidiani, riviste, blog, siti web, canali televisivi, radio, magazine di settore e quant’altro possa avere lettori o ascoltatori più o meno affezionati.
Ovviamente l’addetto stampa è colui che lavora per un ufficio stampa e che può essere considerato lo schiavo di due padroni: I propri clienti (in genere una o più aziende) e i giornalisti. Soddisfare entrambi, per chi fa il mio mestiere, è piuttosto importante soprattutto nel caso in cui intenda mantenere l’abitudine a mangiare un paio di volte al giorno e a dormire al coperto.

[arrows style=”arrow-blue-5.png” align=”left”]

Si, va be’, ma… dicci a che serve!

Ho messo le frecce, perchè immagino che la domanda vi sia sorta spontanea. In sostanza l’attività di ufficio stampa serve a far conoscere ciò che fa un’azienda, a “posizionarla” correttamente rispetto ai concorrenti e a fare in modo che i suoi clienti aumentino. In pratica a far crescere il suo business. Non sono cose da poco, vero? Vediamole una per una:

[step_graphics style=”4″ color=”#000″][step style=”4″ text=”1″ headline=”Farla%20conoscere.%20″]%3Cp%3EPubblicare%20notizie%20su%20ci%C3%B2%20che%20fa%20l’azienda%2C%20o%20sui%20suoi%20prodotti%2C%20fa%20si%20che%20i%20clienti%20e%20soprattutto%20i%20potenziali%20clienti%20vengano%20a%20conoscenza%20non%20solo%20della%20sua%20esistenza%2C%20ma%20anche%20delle%20particolarit%C3%A0%20che%20la%20rendono%20unica%2C%20o%20comunque%20utile%20per%20le%20loro%20esigenze.%20%3C%2Fp%3E%0A[/step][step style=”4″ text=”2″ headline=”Posizionarla%20rispetto%20ai%20concorrenti.%20″]%3Cp%3EL’attivit%C3%A0%20di%20ufficio%20stampa%20esiste%2C%20pi%C3%B9%20o%20meno%2C%20da%20150%20anni.%20Ormai%20molte%20aziende%20ne%20sono%20dotate.%20E%20tra%20queste%2C%20probabilmente%20c’%C3%A8%20anche%20qualcuno%20dei%20vostri%20concorrenti.%20Se%20loro%20mostrano%20ci%C3%B2%20che%20fanno%2C%20attraverso%20i%20media%2C%20ai%20potenziali%20clienti%20e%20voi%20no%2C%20loro%20se%20li%20aggiudicheranno%20E%20VOI%20NO.%20Sembreranno%20pi%C3%B9%20bravi%2C%20pi%C3%B9%20affidabili%20e%20pi%C3%B9%20autorevoli.%20Questo%20in%20gergo%20si%20dice%20%22posizionarsi%20sul%20mercato%22.%20Se%20loro%20si%20posizionano%20a%20un%20livello%20pi%C3%B9%20%22alto%22%20del%20vostro%2C%20siete%20fottuti.%20%3C%2Fp%3E%0A[/step][step style=”4″ text=”3″ headline=”Trovare%20nuovi%20clienti.%20″]%3Cp%3ECredo%20sia%20abbastanza%20ovvio%2C%20a%20questo%20punto%2C%20che%20se%20un’azienda%20si%20fa%20conoscere%20attraverso%20i%20media%2C%20acquisisce%20un%20buon%20posizionamento%20e%20presenta%20i%20propri%20prodotti%20su%20giornali%2C%20blog%20e%20magazine%2C%20finir%C3%A0%20con%20il%20trovare%20nuovi%20clienti.%20Pi%C3%B9%20in%20fretta%20e%20con%20meno%20fatica%20di%20chi%20non%20fa%20nulla%20di%20tutto%20questo.%20Facile%2C%20no%3F%20%3C%2Fp%3E%0A[/step][/step_graphics]

Ovviamente tutto questo presuppone che l’ufficio stampa venga usato correttamente dall’azienda. Non come una semplice cassa di risonanza utile a soddisfare l’ego dell’Amministratore Delegato e a fargli dimenticare quei tagli al personale di cui aveva parlato nell’ultima riunione, ma come un vero e proprio asset aziendale. Una funzione potente e fondamentale, al pari della produzione o del reparto commerciale, che può sostenere e favorire la crescita del fatturato e quindi far prosperare l’azienda, ma a cui occorre dedicare risorse, tempo e personale per permettergli di svolgere correttamente la propria attività.

Sorprendentemente sono ancora relativamente poche le realtà, in Italia, che considerano l’Ufficio Stampa a questa stregua, poichè – come ho scritto all’inizio – è un’attività che restando per lo più “dietro le quinte” non è ancora entrata del tutto nella cultura d’impresa, specie nelle PMI. Forse anche per questo motivo, però, gli imprenditori preparati e “moderni”, che lo usano correttamente, riescono a ottenere grandi successi in tempi relativamente brevi e a far parlare di loro in modi a volte persino sorprendenti. Questa però è tutta un’altra storia, che magari vi racconterò più avanti. Per ora concludo qui, invitandovi, come sempre a…#farparlarediVoi

Arrivederci a presto!

P.S. Che ne pensi di quello che hai letto? 
Io ci metto sempre il massimo impegno a scrivere i miei articoli e spesso spendo giorni e giorni a limare i contenuti e ad accertarmi che ciò che scrivo oltre a essere utile, sia anche facilmente comprensibile, scorrevole e piacevole da leggere.

Se hai trovato interessante l’articolo (ma anche se c’è qualcosa che magari non ti ha convinto),  ti andrebbe di farmelo sapere, lasciandomi un commento qui sotto?

Se non vuoi commentare, puoi comunque condividere il contenuto sui tuoi social (pulsanti sotto) o mettere un like sulla mia pagina Facebook. Per me il tuo parere è molto importante e di certo lo sarà anche per gli altri lettori del blog. 
Grazie in anticipo per tutto quello che farai.
Ciao! 

Che ne pensi di quello che hai letto? 
Io ci metto sempre il massimo impegno a scrivere i miei articoli e spesso spendo giorni e giorni a limare i contenuti e ad accertarmi che ciò che scrivo risulti, oltre che utile, anche facilmente comprensibile e scorrevole da leggere. 

Se hai trovato interessante l’articolo (ma anche se c’è qualcosa che magari non ti ha convinto),  ti andrebbe di farmelo sapere, lasciandomi un commento qui sotto, o condividendo il contenuto sui tuoi social?
Per me sarà molto importante e mi aiuterà a migliorare ancora il mio lavoro. Grazie! 

Condividi l'articolo

Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Marco

Marco

Sono un giornalista professionista, ma il mio lavoro è rendere famosi gli imprenditori disruptive. Nel 2015, dopo un processo di ricerca e sviluppo durato oltre 26 mesi, ho creato FaiParlarediTE® il primo (e unico, per ora) sistema scientifico di Authority Marketing in Italia progettato per rendere famosi i fondatori e i CEO delle PMI.

Scopri il gruppo riservato!

Entra a far parte di un gruppo di imprenditori e startupper che si confrontano e collaborano per migliorare la comunicazione delle loro aziende. Otterrai anche consulenze gratuite, strumenti riservati e bonus! 

Ti consiglio anche:

LA GUIDA PER LA CELEBRITÀ

Il Sistema #FaiParlarediTE®

È il sistema che ho creato nel 2016 al termine di un processo di R&S durato oltre 26 mesi. Oggi è  l’unico metodo scientifico di comunicazione in Italia in grado di rendere famosi gli imprenditori delle startup tecnologiche e delle PMI innovative, in pochi mesi e senza ADV. 

TUTORIAL E VIDEO-CORSI

Riproduci video

Vuoi dei segreti ancora più...segreti?

Iscriviti a “7 Minuti di Notorietà”, la lista riservata di 150 137 imprenditori a cui, una volta al mese, invio una mia email personale, in cui svelo una delle strategie avanzate che io stesso uso per rendere famosi i miei clienti.

Ho il massimo rispetto per la tua privacy è non ti invierò mai spam

7 minuti di notorietà i report riservati con i trucchi per far parlare di te