contattare giornalisti

Un modo divertente per far conoscere la tua azienda.

Tutti sanno quanto è difficile trovare nuovi clienti. Bisogna andarli a cercare uno per uno, strappargli un appuntamento, coccolarli, blandirli e poi, finalmente, una volta arrivati al fatidico momento della presentazione del preventivo… o ti dicono che il prezzo è troppo alto e che vogliono uno sconto, o – peggio – ti mettono in gara con qualche altro fornitore!
Se a te non è mai capitato, i casi sono tre:

  1. Sei appena uscito da scuola e lavori si e no da un paio di settimane;
  2. Sei rinchiuso in qualche ufficio polveroso e non vai mai fuori a confrontarti con il mercato (credimi, è dura là fuori, baby!)
  3. Sei il commerciale di una delle poche fortunate aziende che non hanno competitor e te ne stai appollaiato tranquillo e soddisfatto nella tua nicchia di mercato.

Chiunque non rientri in uno di questi tre casi, sa di cosa parlo. Ne sono certo.
Non sei stufo di prendere portate in faccia o di dover accordare sconti strangolamargini ai tuoi nuovi clienti?

[feature_box style=”14″ only_advanced=”There%20are%20no%20title%20options%20for%20the%20choosen%20style” alignment=”center”]

Se la risposta è “Si, sono stufo!”
è giunto il momento che tu faccia diventare famosa la tua azienda. 

[/feature_box]

Così saranno i nuovi clienti a cercarti, a far la coda fuori dall’ufficio per firmare i tuoi contratti e a cacciare i tuoi concorrenti senza nemmeno guardare le loro offerte.

Perchè diventi famosa, però, prima devi farla conoscere, ‘sta benedetta azienda!
Si, lo so, sembra una tautologia: “Per essere famosi dovete diventare famosi“, ma è proprio lì che sta il difficile. Perchè, diciamocelo, o sei Steve Jobs redivivo, la tua azienda è la Apple e hai appena inventato qualcosa come l’iPhone, oppure, se fai cose normali, dovrai lavorare un po’ prima che qualcuno si accorga di te.

La buona notizia è che questo lavoro può anche essere divertente.
Il trucco, che svelo solo a te  che leggi questo blog, è

[feature_box style=”1″ only_advanced=”There%20are%20no%20title%20options%20for%20the%20choosen%20style” content_font_size=”14″ content_font_font=”Nixie%20One”content_font_color=”black” alignment=”center”]

Fare in modo che i giornali, i blog, le televisioni, la radio e pure i bollettini parrocchiali, parlino della tua azienda, di quello che fa, di cosa vende e del perchè è migliore delle altre.

[/feature_box]

LASCIA PERDERE i social e il sito! Quelli non se li fila nessuno (a meno di spenderci sopra un sacco di soldi in pubblicità su Google). Servono, perchè i tuoi futuri clienti andranno lì a leggere che fate, prima di coprirvi d’oro, ma la loro utilità è limitata a questo.

Quelli su cui invece devi puntare realmente, con tutte le tue forze, sono i media mainstream. Ossia i media che hanno un sacco di lettori, spettatori o commentatori (a seconda di ciò che sono). I giornali che i tuoi potenziali clienti leggono. Gli organi di informazione che un sacco di gente usa e consulta. Le tv che guardano tutti. Quelli sono i veri mezzi per diventare famosi! 

Dentro a questi mezzi d’informazione lavorano delle persone che si chiamano “giornalisti” anche se lavorano, ad esempio nella tv (a rigor di Conoscere giornalisti. logica dovrebbero essere i tv-isti, ma tant’è…). E sono loro che dovrai conoscere per far diventare famosa la tua azienda.

Ora lo so che stai pensando: “io ho un amico giornalista che lavora nell’Eco del Chisone e potrei chiedere a lui…”, ma non è quello che intendevo!

Lascia stare gli amici e concentrati su quelli che contano. Leggi i giornali, guarda la tv, ascolta la radio e soprattutto naviga sul Web per cercare chi scrive di argomenti che interessano la tua azienda. Ad esempio, se la tua azienda fa, poniamo, parti di ricambio per auto, dovrai guardare e leggere tutti quei media che si occupano di automotive.  Che tu ci creda o no, ci sono almeno 10 siti e un paio di riviste che si occupano solo di parti di ricambio per automobili!!
Se fai software aziendale, invece, tu e i tuoi colleghi dovrete tenere d’occhio gli articoli e i servizi che parlano di gestione aziendale, di informatica e se proprio avete ancora del tempo, anche di questioni lavorative. I software aziendali, in fondo, possono influire moltissimo sul lavoro delle persone.
In questo caso, vi aggiungo un suggerimento, che da solo vale la lettura di tutto l’articolo: Comprate i quotidiani del lunedì. I numeri del lunedì di quasi tutti i quotidiani hanno sezioni speciali (in gergo “dorsi“) dedicati al lavoro. E avrete anche una scusa per passare il lunedì mattina a leggere i giornali davanti a un buon caffè, anziché lavorare.

Afferrato il concetto? Analizza i media e scopri i nomi di chi scrive, o più in generale tratta di argomenti interessanti correlati al tuo settore. Se proprio non lavori in un ambito del tutto astruso, tipo i componenti per astronavi, dovresti trovarne almeno una decina.

Una volta che li hai individuati, segnati i nomi e… INVITALI A PRANZO!
Ti sembra assurdo? Non lo è. Rifletti: se devi convincerli a parlare della tua azienda, devi prima conoscere giornalisti e spiegar loro cosa fate. E come fai a conoscerli senza passare per uno stalker? Appunto: li inviti a un “pranzo di lavoro”, li innaffi di buon vino e di piatti prelibati e poi li intorti come si deve. Credimi. E’ il modo migliore.

Se scrivi una mail, senza conoscere giornalisti, nessuno di loro la prenderà in considerazione. Se provi a telefonargli in redazione, non avranno tempo di darti retta; se li aspetti sotto il giornale, o lo studio televisivo, ti denunceranno per molestie.
Anche loro, però, andranno a pranzo ogni giorno, come la maggior parte dei mortali che lavorano. E se gli proponi un incontro interessante, se saprai presentarti spiegandogli in 2 minuti al telefono ciò che fate e gli farai intravedere uno spunto per qualche notizia, saranno ben felice di venire a mangiare a tue spese. E tu a tavola avrai tempo e modo di spiegargli con calma quello che fate e cosa vorresti da loro, senza risultare fastidioso.

[feature_box style=”2″ only_advanced=”There%20are%20no%20title%20options%20for%20the%20choosen%20style” content_font_size=”14″ content_font_font=”Nixie%20One”content_font_color=”black” alignment=”center”]

Se quello che gli dirai lo convincerà, sarà il giornalista stesso a proporti di scrivere qualcosa su quello che fate. I giornalisti sono sempre a “caccia” di notizie, perchè ogni giorno hanno delle pagine – o dei minuti di trasmissione – da riempire.

[/feature_box]

Inoltre, se sei appena appena simpatico, inizierai a costruire un rapporto con lui/lei e la prossima volta, magari, potrai chiamarlo/a in redazione e riuscirai a strappare 5 minuti di attenzione per proporgli un’altra notizia sulla tua azienda.

Tutto chiaro? Te lo riassumo per punti:

  • [bullet_block style=”size-16″ small_icon=”2.png” width=”” alignment=”center”]
    • Per trovare clienti devi far conoscere la tua azienda.
    • Il modo migliore di farla conoscere è usare i media (tv, giornali, web, bollettino parrocchiale, ecc.).
    • Per poter entrare sui media, hai bisogno di conoscere giornalisti.
    • Il modo migliore per conoscerli (e intortarli) è invitarli a pranzo.
    • Prima di invitarli, devi scoprire chi sono, quindi devi leggere i giornali e navigare sul web.

    [/bullet_block]

Per invitarli, invece, basterà telefonargli o inviargli una mail, con un breve accenno (appena un accenno, non un tema di 8 pagine!) di ciò di cui vorresti parlargli e una proposta per l’ora e il luogo dell’appuntamento (possibilmente vicino alla sua redazione). E’ vero che ho detto che i giornalisti non leggono le email e rispondono raramente al telefono, ma un conto è leggere una mail che comincia con “Sono Giuseppe Stufagente dell’azienda Pippo Stufagente & Figli, leader mondiale nella produzione di manopole in teflon per biciclette e vorrei illustrarle il nostro nuovo modello di manopola antiaderente… ” e tutto un’altro leggere: “…Mi chiamo Giuseppe Stufagente, ho letto tutti i suoi articoli e, siccome mi farebbe davvero piacere conoscerla, le scrivo per invitarla a pranzo, all’Osteria Spaccapancia,  un ottimo ristorante tipico pugliese, vicino alla sua redazione…bla bla bla“.

La seconda proposta è più garbata e anche decisamente più interessante, non trovi? Non è comunque automatico che accettino, ma avrai di sicuro più possibilità. E una volta che avranno abboccato (saranno necessarie, probabilmente, più email o telefonate, per fissare i particolari dell’incontro) e li avrai seduti al tavolo, potrai perorare la tua causa, mentre vi riempite di orecchiette e Rosso di Cerignola. Un’ultima, banale, raccomandazione: non mettere insieme più giornalisti di testate simili (es: 2 o più quotidiani), nè cedi alla tentazione di dire “le darò la notizia in esclusiva“. Nel primo caso, ai giornalisti non piace la concorrenza e voi non siete abbastanza importanti per fare una conferenza stampa. Nel secondo, se la prometti, devi poi effettivamente darla ‘sta esclusiva, perchè i giornalisti si conoscono e si parlano tra loro. Se scoprissero che hai barato, magari promettendo l’esclusiva a tutti, verresti bandito dai media, a vita.

In fondo è divertente, no? Leggere i giornali al lunedì mattina, andare a pranzo in costosi ristoranti… e come risultato trovare nuovi clienti e far diventare la tua azienda un marchio conosciuto! Mi raccomando, però, non dire a nessuno che ti ho dato una buona scusa per abboffarti, dicendo al tuo ritorno in ufficio: “Sono stato a un noioso incontro di lavoro”!

[optin_box style=”20″ alignment=”center” disable_name=”Y” email_field=”email” email_default=”Scrivi qui il tuo indirizzo email” integration_type=”mailchimp” welcome_email=”N” thank_you_page=”http://www.ufficiostampatorino.com/download-guida/” list=”ce51e6c412″ name_field=”FNAME” name_default=”Enter your first name” name_required=”Y” opm_packages=””][optin_box_field name=”headline”]Vuoi Scoprire 4 Azioni da Fare Subito per Conquistare Spazi sui Giornali, sui Siti e In TV? [/optin_box_field][optin_box_field name=”paragraph”]PHA+TGFzY2lhIGlsIHR1byBpbmRpcml6em8gZW1haWwgcXVpIHNvdHRvIHBlciBzY2FyaWNhcmUgc3ViaXRvLCBncmF0dWl0YW1lbnRlLCDCoGxhIG1pYSA8c3Ryb25nPkd1aWRhIGluIC5wZGYgY29uIDQgQXppb25pIGRhIEZhcmUgT1JBIHBlciBDb25xdWlzdGFyZSBTcGF6aSBzdWkgTWVkaWE8L3N0cm9uZz4uIFNjb3ByaXJhaSBjb3PDrCBsZSA0IGNvc2UgY2hlIHB1b2kgZmFyZSBzdWJpdG8sIGFuY2hlIG9nZ2kgc3Rlc3NvIGUgc2VuemEgc3BlbmRlcmUgdW4gRXVybywgPHN0cm9uZz5wZXIgYXNzaWN1cmFyZSB2aXNpYmlsaXTDoCBhbGxhIHR1YSBhemllbmRhPC9zdHJvbmc+LsKgPC9wPgo=[/optin_box_field][optin_box_field name=”privacy”]Preoccupato di lasciarmi il tuo indirizzo email? Non devi. Leggi QUI[/optin_box_field][optin_box_field name=”top_color”]undefined[/optin_box_field][optin_box_button type=”0″ button_below=”N”]INVIA[/optin_box_button] [/optin_box]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.